X

News

Lancet: coppetta mestruale valida alternativa agli assorbenti

Le ragazze e le donne hanno bisogno per il ciclo mestruale di prodotti efficaci, sicuri e convenienti. Se i prodotti monouso vengono regolarmente valutati e testati, la coppetta mestruale è un'alternativa meno conosciuta.

Secondo una metanalisi pubblicata recentemente su Lancet Public Health, le coppette mestruali possono costituire un'alternativa sicura ed efficace ai tamponi e agli assorbenti. Lo studio infatti evidenzia accettabilità, sicurezza ed efficacia di questi prodotti, oltre ad una migliore disponibilità ormai in molti paesi del mondo.

Su 436 studi complessivi identificati, la ricerca ha preso in esame 43 studi qualitativi e quantitativi, su database come PubMed, Cochrane Library, Web of Science, Popline, Cinahl, Global Health, Emerald, Google Scholar, Science.gov e WorldWideScience, che hanno coinvolto un totale di 3.300 donne che hanno usato le coppette mestruali e hanno riferito le loro impressioni a riguardo.

In quattro studi sia i tassi di perdite con coppette mestruali sia i tassi di infezione sono risultati simili o inferiori rispetto ad altri prodotti per l'igiene mestruale.

In tutti gli studi qualitativi, l'uso della coppetta mestruale ha richiesto una fase di familiarizzazione durata diversi cicli e il supporto di altre donne utilizzatrici ne ha migliorato l'accettazione.

In 13 studi, il 73% dei partecipanti ha voluto continuare ad usare la coppetta mestruale al completamento della ricerca.

I risultati della ricerca hanno mostrato che le coppette non sono però adatte alle donne che fanno uso di dispositivi uterini (IUD), ed esempio la spirale.

Gli autori concludono, infine, che le coppette mestruali siano un'opzione sicura per la gestione del flusso mestruale e che sono disponibili in molte parti del mondo ad un prezzo conveniente. Servono comunque ulteriori ricerche sull'impatto ambientale e sul rapporto costo-beneficio di questi prodotti.

Fonte: Lancet Public Health 2019. Doi: 10.1016/S2468-2667(19)30111-2
http://dx.doi.org/10.1016/S2468-2667(19)30111-2